Sarà operativo dal prossimo fine settimana un nuovo punto di effettuazione dei tamponi nasofaringei per la ricerca del COVID-19 a Luino, in una sede antistante il presidio ospedaliero.

L’iniziativa nasce dalle associazioni di volontariato del territorio su impulso del Vice Sindaco di Luino, Alessandro Casali.

"ATS Insubria intende con ciò da un lato potenziare l’attività di esecuzione dei tamponi che si attestano a circa 5.000 alla settimana, e, dall’altro, dare un segnale di prossimità e di attenzione alla popolazione delle aree montane dell’Insubria” commenta Lucas Gutierrez Direttore Generale ATS Insubria.

Alla postazione di Luino faranno riferimento gli abitanti dei Comuni facenti parte della Comunità Montana Valli del Verbano e della Comunità’ Montana del Piambello, appartenenti alle categorie individuate da Regione Lombardia da sottoporre a tampone.

La struttura sarà localizzata presso l’Area Visnova, messa gentilmente a disposizione dall'imprenditore Paolo Orrigoni. Il punto tamponi vedrà la presenza di Croce Rossa Italiana con la collaborazione della Protezione Civile e dell’Associazione Nazionale Carabinieri in Congedo, coordinati per la sicurezza dai Carabinieri e dalla Polizia Locale di Luino.

I tamponi saranno effettuati con la metodologia “drive in” che consente di effettuare gli stessi con la massima garanzia dal punto di vista igienico.

"Ringrazio Loredana Amadio, Presidente Sos Tre Valli, che mi ha dato l'idea per poter portare avanti con la direzione di ATS Insubria questo progetto. Luino diventa così punto territoriale di riferimento per la tamponatura al nord della provincia. - conclude il Vice Sindaco Alessandro Casali - Considero questo un importante lavoro di squadra in cui è stato fondamentale l'apporto del personale sanitario, anche quello dei medici di base. Questa iniziativa intende essere un segno di risposta concreta per la cittadinanza, anche per quella parte dei lavoratori frontalieri che vivono qui. Ringrazio tutti coloro che hanno fatto sì che si realizzasse questo progetto".

 

La Direzione di ATS Insubria

Da oggi, 27 aprile è operativa ad Erba, in via Trieste 17 presso la sede di Lariosoccorso, un nuova postazione per l’esecuzione di tamponi. La nuova postazione, sempre in modalità drive in, affiancherà quella di Via Castelnuovo a Como, già attiva da qualche settimana e si aggiunge a quelle di Varese e di Busto Arsizio, per rafforzare ulteriormente l'attività di “tamponatura” nel territorio di ATS Insubria e soddisfare le necessità epidemiologiche attuali, grazie anche all’accreditamento di nuovi laboratori. Il servizio si avvale della collaborazione fornita dall'Associazione di Volontariato Lariosoccorso, che garantirà la parte logistica ed amministrativa, e della disponibilità di circa 40 professionisti Medici, tra cui Pediatri ed Odontoiatri, che hanno risposto all' appello di ATS Insubria tramite l’Ordine dei Medici di Como. Sono numerosi, infatti i professionisti che si sono messi a disposizione a titolo gratuito, per l’esecuzione dei tamponi, ed insieme ad altri volontari rendono un prezioso servizio alla comunità. L’esame verrà prescritto dai Medici di Medicina Generale o da ATS Insubria per le categorie di assistiti previste dalle indicazioni del Ministero della Salute e di Regione Lombardia e avverrà su invito di ATS. Questa iniziativa permetterà ai cittadini dell’erbese, del canturino e del marianese di poter eseguire sul territorio i necessari controlli. La postazione sarà attiva tutti i giorni da lunedì a sabato.

 

Prende avvio oggi, in collaborazione con l’ASST Sette Laghi, il progetto Diagnosi precoce in RSA di polmonite COVID-19, che costituisce un ulteriore strumento a disposizione delle RSA per approfondimenti diagnostici su ospiti con sintomatologia sospetta per Coronavirus. Il progetto riguarda prestazioni di radiodiagnostica, rivolte in particolare agli ospiti più fragili e difficilmente trasportabili, con l’obiettivo di arrivare ad una diagnosi precoce e ad un trattamento tempestivo della malattia. Il servizio che viene attivato attraverso un triage telefonico, prevede che venga eseguito,  da un tecnico di radiologia, un esame radiologico del torace al letto del paziente, con un apparecchio mobile. La radiografia viene successivamente refertata da un medico radiologo in servizio presso l’ASST. Inoltre a tutte le RSA del territorio sono state fornite, in accordo con UNEBA Varese e UNEBA Como, le “indicazioni nutrizionali in tempi di Coronavirus”, elaborate dalla UOS Qualità Nutrizione e Stili Alimentari dell’ATS Insubria per gli ospiti delle strutture, secondo le linee guida nazionali ed internazionali.

È stata inaugurata oggi la seconda postazione in provincia di Varese per effettuare i test per la ricerca del Covid-19 in modalità “drive in” nell’area di Malpensa Fiera di Busto Arsizio, grazie alla preziosa collaborazione della Camera di Commercio di Varese, del Comune di Busto Arsizio e della Croce Rossa. La postazione è coordinata da ATS Insubria e gestita dalla Croce Rossa Italiana civile e militare di Busto Arsizio. Analogamente a quanto già avviene a Varese in Via O. Rossi, e a Como in Via Castelnuovo, si tratta di una sede mobile con caratteristiche logistico-organizzative tali da consentire ai cittadini, per i quali è stato prescritto e programmato il tampone, di accedere con la propria auto e sottoporsi al test senza uscire dall’abitacolo. I tamponi e i Dispositivi di Protezione Individuale sono forniti agli Operatori della CRI da ATS.

Con questa ulteriore postazione, ATS intende implementare l’attività di esecuzione dei tamponi che, in una prima fase, saranno prioritariamente rivolti agli operatori sanitari e sociosanitari, oltre ai soggetti addetti a servizi essenziali, che possono così, una volta accertata la negativizzazione, rientrare in servizio.

Per tale attività sono state valutate tutte le condizioni di rispetto della normativa in tema di biosicurezza. In questa prima fase si punta ad effettuare almeno 100 test al giorno, volume suscettibile di revisione in base all’evoluzione dell’epidemia.

Tale attività, che si aggiunge a quelle già in corso presso le altre sedi, consentirà di arrivare a processare un maggior numero di tamponi a settimana, così da soddisfare le necessità epidemiologiche attuali, grazie alla disponibilità di nuovi laboratori, recentemente accreditati.

A seguito dell’emergenza epidemiologica da Covid-19 alcune famiglie si sono trovate ad affrontare spese e difficoltà economiche impreviste.

Con la delibera n. XI/ 2999 del 30/03/2020 Regione Lombardia ha stanziato risorse pari a 16.500.000.00 euro da destinare alle famiglie per affrontare le difficoltà economiche che stanno vivendo in questo momento.

Le risorse sono suddivise in due tipologie di contributo:

  1. Contributo mutui prima casa
    Si tratta di un contributo straordinario una tantum di euro 500,00 per il sostegno al pagamento del mutuo prima casa destinato a ogni nucleo familiare con almeno un figlio di età minore o uguale a 16 anni.
  1. Contributo e-learning
    Si tratta di un contributo straordinario una tantum pari all'80% delle spese sostenute fino ad un massimo di euro 500,00 per l’acquisto della strumentazione tecnologica necessaria alla didattica on line (pc fisso o portatile o tablet con microfono e fotocamera) destinato a ogni nucleo familiare con figli da 6 a 16 anni compresi.

E’ prevista inoltre l’applicazione del Fattore Famiglia Lombardo (FFL) ad incremento dei contributi riconosciuti sulla misura.

Con la delibera n. 3051 del 15/04/2020 sono state ridefinite le modalità di presentazione dell'attestazione I.S.E.E.

 

Tutte le informazioni sono disponibili sul sito di Regione Lombardia.

L’evoluzione dell’emergenza, legata alla diffusione del contagio da COVID-19, ha richiesto l’implementazione tempestiva di flussi comunicativi interistituzionale già esistenti, per rispondere alle emergenti esigenze di acquisizione di dati  e informazioni e di condivisione immediata di direttive ministeriali e regionali con i diversi attori del sistema sociosanitario territoriale. Un utile strumento di condivisione interistituzionale di dati è stato il portale dedicato ai Comuni per l’emergenza sanitaria in corso, che permette loro di inviare segnalazioni ed accedere ad un data base documentale per consultare tutte le disposizioni normative e i protocolli in uso. Il portale EMERCOVID si aggiunge alla linea telefonica riservata e al flusso informativo istituzionale con le Prefetture, e consente inoltre, agli amministratori attraverso un processo di identificazione, di accedere ai dati relativi al proprio Comune per avere una fotografia, in tempo reale, del numero di cittadini risultati positivi al tampone, dei cittadini in quarantena,  dei guariti e dei deceduti.

Alla data del 18 aprile u.s., la situazione epidemiologica evidenzia i seguenti dati. Risultano complessivamente 4.463 casi, di cui il 51,7 % femmine e il 48,3% maschi, mentre l’età media complessiva dei casi è pari a 62,9 anni. Il numero dei soggetti attualmente positivi  è pari a 3.750 (84% dei casi totali), il numero dei soggetti guariti è di 191 (4,3%) e il numero di deceduti è pari a 522 (11,7%). Tra i soggetti deceduti, si nota la netta prevalenza del sesso maschile con il 64,2% dei decessi totali, mentre il 35,8% risulta di sesso femminile. Questo dato conferma la tendenza a livello nazionale. L’età media complessiva dei deceduti è pari a 77,9 anni. Il dato relativo al contagio nell’ATS Insubria risulta tra i più bassi a livello regionale, se si considera il numero di casi in rapporto alla popolazione.

 

Dall’inizio dell’emergenza legata alla diffusione del virus COVID-19,  ATS Insubria, in stretto raccordo e coordinamento con Regione Lombardia, le Prefetture, i Comuni, i Medici di Medicina Generale ha valutato tutte le possibili soluzioni per rispondere alle criticità segnalate. È stata preziosa in ogni fase la collaborazione della Protezione Civile e della Croce Rossa Italiana.

Ad oggi il contesto epidemiologico nelle strutture sociosanitarie del territorio di ATS Insubria evidenzia  i seguenti dati.

In totale sono presenti nelle strutture 9.601 ospiti (91,06 % dei posti disponibili), di cui 516 (5,37 %) accertati COVID con tampone positivo, 546 (5,69 %) con sintomi sospetti per COVID. Sono  86 gli ospiti ricoverati in ospedale per sospetto COVID (0,9 %). Si registrano 105 (1,09 %) ospiti deceduti per COVID accertato in struttura o in ospedale dal 20 febbraio, 322 (3,35 %) quelli deceduti per sospetto COVID e 677 ospiti deceduti per patologie non correlate a COVID (pari 7,05 %).   

Per quanto riguarda gli operatori delle RSA presenti sul territorio, la situazione è la seguente. Sono 6.347 gli operatori in servizio che svolgono attività per gli ospiti. Risultano in isolamento al domicilio, essendo risultati positivi al tampone, 263 operatori (4,14 %) e 672 operatori (10,59 %) per sospetta sintomatologia COVID.

Con le strutture sociosanitarie si è tenuta una comunicazione regolare e costante, per rilevarne le criticità e fornire supporto in tutte le modalità in cui è stato possibile. Sono stati inviati protocolli operativi di biosicurezza per il contenimento della diffusione del contagio, secondo le indicazioni regionali, e procedure per l’esecuzione dei tamponi agli operatori e agli ospiti.

Sono in corso sopralluoghi nelle strutture sociosanitarie, a partire da quelle che hanno evidenziato maggiori criticità per valutare il rispetto delle procedure di contenimento del contagio, attraverso l’uso corretto di dispositivi di sicurezza, i protocolli per la gestione dell’emergenza, l’isolamento dei casi sospetti o positivi e un adeguato accudimento degli ospiti secondo gli standard previsti.

Per il rientro in servizio degli operatori sanitari e sociosanitari essenziali, si è provveduto al potenziamento dell’attività di tamponatura, al fine di consentire l’implementazione del personale attivo, in sicurezza per gli operatori e per i cittadini. Sono stati eseguiti 2.412 tamponi, di cui 341 effettuati direttamente da ATS e la restante parte eseguiti autonomamente dalle strutture con i kit diagnostici forniti da ATS.

Da oggi viene ulteriormente potenziata l’attività di esecuzione dei tamponi, grazie ad una cospicua fornitura di kit e all’autorizzazione, da parte di Regione Lombardia, di nuovi laboratori per le analisi. A regime, nell’arco di pochi giorni, ATS Insubria sarà in grado di processare 5.000 tamponi a settimana anche per rispondere  alla rapida crescita della domanda sul territorio. L’attività sarà rivolta prioritariamente al personale sanitario - compresi i MMG - e sociosanitario e alle forze dell’ordine, così da favorire il rientro in servizio di figure chiave per la gestione dell’emergenza in corso.

A partire da questa settimana, sempre grazie alla collaborazione con CRI e al prezioso sostegno della Camera di Commercio di Varese, del Comune di Busto Arsizio, dell’Ordine dei Medici e degli Odontoiatri provinciale, sarà operativa presso Malpensa Fiera una terza postazione per l’esecuzione dei tamponi con modalità “drive in”, che andrà ad affiancare quella di Varese in via O. Rossi e quella di Como in via Castelnuovo.

Infine, è in fase di realizzazione un progetto di radiodiagnostica al letto del paziente per la diagnosi precoce nelle RSA, in collaborazione con l’ASST Settelaghi. E’ inoltre attivo un poliambulatorio privato in grado di svolgere tale servizio su tutto l’ambito territoriale di competenza di ATS Insubria.

Con la collaborazione delle ASST del territorio si sono attivate modalità di telemedicina per consulenze specialistiche a distanza (infettivologo, pneumologo, medici di pronto soccorso) per supportare tutte le RSA del territorio nella gestione dei pazienti, anche per l’eventuale richiesta di accesso in ospedale.

Agli operatori delle strutture sociosanitarie viene da tempo offerto servizio di supporto psicologico con esperti in psicologia dell’emergenza, attraverso colloqui individuali o momenti formativi a distanza.                                                                                                            

 

 

La presentazione delle istanze relative all’attività di prima certificazione dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento - DSA - potrà avvenire, come lo scorso anno, nel periodo 1-31 maggio 2020 attraverso il corretto impiego della modulistica di seguito specificata:
- All. 1 DSA – Nota del 22 giugno 2015 e fac-simile domanda completa del protocollo richiesto
- All. 2 Modulistica integrativa nuovi componenti équipe DSA

 

Le istanze dovranno essere trasmesse esclusivamente all’indirizzo PEC: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. nel periodo suddetto.

Le équipes, già autorizzate e presenti negli elenchi pubblicati sul sito ATS Insubria, non dovranno presentare alcuna documentazione, salvo ulteriori richieste di modifiche nella loro composizione.

 

INFO: COORDINAMENTO AREA SALUTE MENTALE - Via O. Rossi, 9 - 21100 VARESE - Tel. 0332/277.710

Responsabile del procedimento: Dott.ssa Chiara Federigi - tel. 0332/277.267 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.          

Incaricato dell’istruttoria: Collaboratore Amm.vo Laura Moretti - tel. 0332/277.710 - Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

 

 

Ultime news

Attivate 4 nuove linee per tamponi presso la base NATO di Solbiate Olona - Varese

La collaborazione tra il Comando NATO e ATS Insubria permetterà l’effettuazione di oltre 800 tamponi al giorno.

Leggi tutto...
Indennizzi: 167 milioni di euro per imprese e lavoratori

Indennizzi: 167 milioni di euro per imprese e lavoratori

I provvedimenti approvati dalla Giunta regionale il 17 novembre disegnano una architettura di aiuti integrati e complementari agli ultimi interventi emergenziali del Governo.

Leggi tutto...

Test Antigenici - Rapid Diagnostic Tests Ag-RDTS - Tampone Nasofaringeo - per la sorveglianza Covid-19. Disposizioni relative all’utilizzo - DGR n. XI / 3777 del 3 novembre 2020

Come previsto dalla DGR, si allega il materiale utile per comunicare ad ATS eventuali decisioni di avviare l’effettuazione dei test in forma privatistica, cioè in ambito NON SSR, anticipatamente all’avvio stesso.

Leggi tutto...

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.