Nuovo servizio attivato dal Comitato Regionale Lombardia Croce Rossa Italiana in collaborazione con Federfarma.

In considerazione dell’emergenza Covid-19 in Lombardia, il Comitato Regionale Lombardia Croce Rossa Italiana e Federfarma Lombardia hanno concordato di attivare, da lunedì 23 marzo, un nuovo servizio di consegna a domicilio, attivabile chiamando “CRI Pronto farmaco” al numero 02.3883350 in base alle seguenti indicazioni:

 

Orario

da lunedì a venerdì dalle 09:00 alle ore 19:00

 

Destinatari in possesso di prescrizione medica (o con codice NRE della ricetta)

  • cittadini in possesso di prescrizione medica (o con codice NRE della ricetta)
  • persone con oltre 65 anni;
  • persone non autosufficienti;
  • persone sottoposte alla misura della quarantena o risultati positivi al virus COVID-19.

 

Procedura

  • l'utente chiama la CRI per richiedere la consegna dei farmaci necessari;
  • la CRI fornisce all'utente il numero telefonico della Farmacia a lui più vicina, individuata grazie alla geolocalizzazione di Federfarma Lombardia su www.farmacia-aperta.eu ;
  • l'utente chiama la Farmacia indicata, concorda i farmaci a lui necessari e comunica NRE + Codice Fiscale e indica l'importo da pagare per farmaci e ticket;
  • la Farmacia chiama “CRI Pronto farmaco” e conferma il servizio;
  • la CRI attiva un proprio volontario, il quale si reca dall'utente per ritirare il contante per il pagamento;
  • il volontario CRI si reca in Farmacia per il ritiro dei farmaci e dello scontrino che riporta all'utente, con l’eventuale resto;
  • i farmaci vengono consegnati dal personale CRI in busta chiusa all’utente.

L’avviso pubblico, di cui alla d.g.r. n. 2469/2019, approvato con decreto n. 3167 del 10.03.2020 conferma l’importanza della realizzazione di interventi di sostegno abitativo a favore dei coniugi separati o divorziati, in particolare con figli minori, di cui alla l.r. 18/2014.

Con il medesimo decreto si è provveduto a modificare i criteri per accedere alla misura approvati con le delibere n. 7545/2017 e n. 644/2018 integrando:

  • requisiti di accesso;
  • spese ammissibili;
  • soglie minime e massime di ammissibilità;
  • fasi e tempi del procedimento;
  • ha promosso interventi di mediazione familiare.

Il decreto n. 3930 del 30 marzo 2020 ha stabilito inoltre: 

  • la sospensione, da parte delle ASST e dei Comuni, della presentazione domande e relativi progetti per interventi di mediazione familiare sino al 30 maggio 2020, vista la situazione particolarmente critica sul territorio della Regione relativamente all'emergenza epidemiologica che ha sospeso le attività in presenza delle amministrazioni pubbliche e dei soggetti privati preposti all'esercizio di attività amministrative e considerata l’ordinanza del Presidente di Regione Lombardia n. 515 del 22 marzo 2020;
  • che la presentazione dell’ISEE, per accoglimento e la valutazione da parte di ATS della domanda per il sostegno abitativo, si potrà allegare entro tre mesi dalla data di presentazione della domanda. L'erogazione della prima trance del 50% potrà avvenire comunque solo a seguito della presentazione dell’ ISEE (inferiore o uguale a € 30.000).

Su indicazione di Regione Lombardia si precisa, inoltre, che possono accedere all'Avviso Pubblico Sostegno abitativo a favore di coniugi separati/divorziati in condizioni di disagio economico anche le persone che hanno già ottenuto il beneficio nel passato, purché siano in possesso dei requisiti previsti dall'Avviso.

 

La domanda va presentata esclusivamente sulla piattaforma informativa Bandi online all’indirizzo www.bandi.servizirl.it

 

Data di apertura per le domande di sostegno abitativo: h. 12.00 del 19/03/2020, fino ad esaurimento risorse e comunque non oltre il 30 dicembre 2021.

 

Data di apertura per le domande di mediazione famigliare: h. 12.00 del 30/03/2020, fino ad esaurimento risorse e comunque non oltre il 30 dicembre 2021; attualmente la misura risulta sospesa sino al 30 maggio 2020.

 

Riferimenti di ATS Insubria per informazioni e segnalazioni relative al bando:

  • Alberio Giovanna: tel. 0332 277 225
  • Barbarino Ilenia: tel. 0332 277 732
  • Martini Elisa: tel. 0332 277 722
  • Mocchetti Silvia: tel. 0332 277 729

 

Riferimenti per assistenza tecnica sull'utilizzo del servizio on line della piattaforma Bandi online Sistema Agevolazioni:

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

numero verde 800.131.151 attivo dal lunedì al sabato escluso festivi dalle ore 10:00 alle ore 20:00

 

Per maggiori approfondimenti:

 

Dal 12 marzo, in Provincia di Varese e di Como, le farmacie possono erogare il servizio di assistenza farmaceutica “a battenti chiusi”.

La scelta di operare a battenti chiusi o aperti è del singolo professionista, in ragione di variabili contingenti riconducibili all’emergenza in corso.

Le farmacie che decidono di svolgere il servizio a battenti chiusi mantengono invariati gli orari di servizio e garantiscono la presenza dei Farmacisti.

Per ricevere assistenza presso le farmacie che scelgono tale modalità, il cittadino può utilizzare il campanello di chiamata destinato alla chiamata durante il turno notturno o festivo presente in ogni farmacia.

Il Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria di ATS Insubria, in adesione a quanto previsto dal DPCM 1 Marzo 2020, raccomanda l’adozione delle misure di prevenzione diffuse dal Ministero della Salute e valide su tutto il territorio nazionale:

  • lavare spesso le mani
  • evitare il contatto ravvicinato con persone che soffrono di patologie infettive/infiammatorie acute delle vie respiratorie
  • coprire bocca e naso quando si starnutisce o si tossisce
  • non toccare con le mani occhi, naso, bocca
  • pulire le superfici negli ambienti di vita e di lavoro con disinfettanti a base di cloro o alcol
  • non assumere farmaci antivirali né antibiotici almeno che non siano prescritti dal medico
  • usare la mascherina in caso di sintomi respiratori o nel caso in cui si assistano persone malate o immunodepresse
  • In caso di dubbi rivolgersi al proprio medico e non al pronto soccorso

All’interno delle misure previste dal DPCM è raccomandato, inoltre, di mettere a disposizione in tutti i locali pubblici, palestre, supermercati, farmacie e altri luoghi di aggregazione, soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani.

 

Si chiede ai cittadini, che hanno superato i 65 anni di età, di condurre in questo periodo una vita più ritirata, evitando, se possibile, di uscire o comunque di accedere ad ambienti ad alta densità di frequentazione, per ridurre le possibilità di contrarre il virus.

Devono essere evitate tutte le occasioni di aggregazione differibili come, ad esempio, le tipiche attività dei centri ricreativi frequentati dagli ultrasessantacinquenni che si riuniscono per occasioni anche ludiche come il gioco delle carte o delle bocce. Si raccomanda, inoltre, a tutti i cittadini di adottare comportamenti virtuosi ai fini della prevenzione del contagio, anche e soprattutto, dopo le date di termine dei divieti oggi validi e anche in assenza di specifiche misure precauzionali emanate dal servizio pubblico.

Il Bando per la manifestazione di interesse rivolta agli Enti Gestori Accreditati Sociosanitari e Sociali per la realizzazione di progetti attraverso voucher mensili per le persone in condizione di disabilità gravissima B1 (Piano Regionale per la non Autosufficienza triennio 2019 – 2021 – esercizio 2020) è stato approvato con deliberazione n. 113 del 27.02.2020.

  

Scadenza: entro le ore 24 del 13 marzo 2020

 

In relazione alle misure attivate per il contrasto della diffusione del COVID-19 e al fine di garantire l’assistenza farmaceutica ai Cittadini sul territorio di ATS Insubria, sono state individuate le seguenti soluzione tecnico-organizzative, che rimarranno in vigore per il periodo interessato dall’emergenza sanitaria in corso:

  • il Medico, in caso di prescrizione farmaceutica dematerializzata ove non vi sia la necessità di visita o accesso ambulatoriale, può comunicare direttamente al cittadino il solo NUMERO DI RICETTA ELETTRONICA (NRE), con le modalità che riterrà più opportune (sms, mail o altro)
  • il Cittadino potrà successivamente recarsi in Farmacia ed esibire la Tessera Sanitaria ed il NRE inviato dal Medico
  • il Farmacista individuerà la singola prescrizione sulla piattaforma informatica e potrà erogarei medicinali prescritti
  • la Farmacia avrà cura di stampare il promemoria ed apporre le relative fustelle

Ultime news

Azioni per la qualità della vita e l’inclusione sociale delle persone sottoposte a terapia oncologica – parrucche

Rifinanziamento della misura “Azioni per la qualità della vita e l’inclusione sociale delle persone sottoposte a terapia oncologica“ di cui alla DGR n. 1829/2019, per gli anni 2020 e 2021.

Leggi tutto...

Manifestazione d’interesse - presentazione di progetti di promozione della salute e contrasto al gioco d’azzardo patologico

Manifestazione d’interesse per l'individuazione di Dipartimenti di Sociologia di Università legalmente riconosciute per la presentazione di progetti che concorrano alla realizzazione delle azioni previste dalla D.G.R. N. XI/585 del 01/10/2018 - realizzazione seconda annualità.

Leggi tutto...

Avviso pubblico - Ricerca medici disponibili per visite mediche di controllo - INPS Como

L'INPS - Istituto Nazionale della Previdenza Sociale - Sede di Como - ha pubblicato un avviso per la ricerca di n. 3 medici disponibili, da subito, all’effettuazione, sia nella fascia antimeridiana che in quella pomeridiana, delle visite domiciliari di controllo disposte dall’INPS nei confronti dei soggetti residenti nel bacino di competenza del territorio di COMO.

Leggi tutto...

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.