Il Decreto Legge n. 52 del 22 aprile 2021 “Misure urgenti per la graduale ripresa delle attività economiche e sociali nel rispetto delle esigenze di contenimento della diffusione dell'epidemia da COVID-19.”, all’art. 9 ha introdotto le prime indicazioni in materia di  Certificazioni verdi COVID-19, poi aggiornate con il Decreto Legge n. 65 del 18 maggio 2021.

La certificazione verde Covid-19 è un documento che certifica uno di questi stati:

  • l’avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2,
  • la guarigione dall'infezione da SARS-CoV-2,
  • l’effettuazione di un test molecolare o antigenico rapido con risultato negativo al virus SARS-CoV-2.


Coloro che sono in possesso di certificazione verde Covid-19 possono:

  • spostarsi in entrata e in uscita dai territori collocati in zona arancione o rossa (tali spostamenti, prima dell’approvazione del Decreto legge n. 52 del 22 aprile 2021, erano consentiti solo per comprovate esigenze lavorative o per situazioni di necessità o per  motivi  di salute, oltre che per il  rientro  alla  propria residenza,  domicilio  o abitazione);
  • a partire dal 15 giugno 2021, in zona gialla, partecipare alle feste conseguenti alle cerimonie civili o religiose, anche al chiuso, nel rispetto di protocolli e linee guida specifiche (come previsto dal Decreto Legge n. 65 del 18 maggio 2021).


La certificazione verde Covid-19 di avvenuta vaccinazione contro il SARS-CoV-2 viene rilasciata in formato cartaceo o digitale dalla struttura sanitaria o dal Servizio Sanitario Regionale che ha effettuato la vaccinazione ed è disponibile nel Fascicolo Sanitario elettronico dell’interessato. Al momento, la certificazione ha validità:

  • dal quindicesimo giorno dopo la somministrazione della prima dose e fino alla data prevista per il completamento del ciclo vaccinale (se sono previste 2 dosi);
  • di 9 mesi dal completamento del ciclo vaccinale. 


La certificazione verde Covid-19 di avvenuta guarigione da Covid-19, viene rilasciata in formato cartaceo o digitale, contestualmente alla fine dell’isolamento, dalla struttura ospedaliera presso cui si è effettuato un ricovero, dalla ATS competente, dai Medici di medicina generale o dai Pediatri di libera scelta. Al momento, ha una validità di 6 mesi dalla data di fine isolamento.


La certificazione verde Covid-19 di effettuazione di un test antigenico rapido o molecolare per la ricerca del virus SARS-CoV-2 con esito negativo è rilasciata dalle strutture sanitarie pubbliche, private autorizzate, accreditate, dalle farmacie o dai medici di medicina generale e dai pediatri di libera scelta che erogano tali test. La sua validità è di 48 ore dall'esecuzione del test.

Per maggiori informazioni e approfondimenti consultare la sezione sul sito del Ministero della Salute.

Il dibattito è aperto anche a livello europeo. Il 17 marzo 2021 la Commissione europea ha presentato una proposta intesa a creare un certificato verde digitale per agevolare la libera circolazione sicura dei cittadini nell'UE durante la pandemia di COVID-19. I certificati verdi digitali saranno validi in tutti gli Stati membri dell'UE.

Per maggiori approfondimenti sulla proposta a livello europeo visita il sito della Commissione.

Ultime news

Vaccinazioni Anti-Covid: sospensione cautelativa delle seconde dosi per gli under 60 vaccinati in prima dose con Astrazeneca

La Direzione Generale Welfare ha disposto la temporanea e immediata sospensione della somministrazione della seconda dose ai soggetti under 60, che hanno ricevuto la prima dose con vaccino Astrazeneca: gli appuntamenti delle somministrazioni delle seconde dosi verranno ricalendarizzate secondo le indicazioni che verranno fornite appena possibile.

Leggi tutto...

Confindustria Como e ATS Insubria presentano online il programma WHP Work Health Promotion: un'opportunità di Promozione della Salute e del Benessere nelle aziende

Mercoledì 16 giugno 2021 alle ore 11, è in programma un webinar dedicato al progetto con la testimonianza delle aziende comasche SAATI spa e Gentium srl che hanno avviato iniziative virtuose per promuovere la salute nei luoghi di lavoro

Leggi tutto...

Dal 28 giugno tutti potranno modificare la prenotazione per la seconda dose di vaccino

Dal 28 giugno sarà possibile per tutti i cittadini modificare l’appuntamento per la somministrazione della 2^ dose vaccinale, all’interno del range di validità del singolo vaccino e delle disponibilità delle agende, attraverso il portale di prenotazione regionale.

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.