Accesso alla scuola

Ai fini di prevenire il contagio in ambito scolastico, le scuole sottoscrivono un patto di corresponsabilità con le famiglie che si impegnano, tra l’altro, a non accedere alla scuola in presenza di:

• Temperatura ≥ 37.5 °C o altri sintomi suggestivi;
• Provenienza da Paesi/ zone a Rischio, secondo le disposizioni normative vigenti;
• Contatto stretto con persona positiva al virus nei 14 giorni precedenti;
• Tampone positivo al COVID19;
• Presenza di sintomi anche lievi per cui si è in attesa dell’esito del tampone diagnostico molecolare (ad eccezione del personale docente di cui al seguente punto).


In questi casi è fatto obbligo di restare presso il proprio domicilio.

 

Insorgenza di sintomi a scuola

In caso di sintomi sospetti per studenti e personale scolastico è consentito l’accesso diretto all’effettuazione dei tamponi, previa registrazione come sotto indicato, con motivazione ben definita. L’isolamento scatta per le positività accertate.

Il processo di identificazione dei casi di CoviD-19 nella collettività scolastica è rappresentato in tabella.

Soggetto interessato da eventuale sintomatologia suggestiva per CoviD-19

Scenario di insorgenza dei sintomi

Azione in capo alla persona interessata

Azione in capo al MMG/PLS

Personale scolastico

Scuola

La persona contatta nel più breve tempo possibile il proprio MMG. In caso di indicazione di sottoporsi a tampone, la persona si reca al punto tampone, previa registrazione, con modulo di autocertificazione

Effettua segnalazione su sMAINF

Domicilio

Allievo/studente da 0 a 13/14 anni dal servizio educativo per la prima infanzia a tutto il ciclo di scuola secondaria di primo grado

Scuola

Il genitore accompagna il figlio al punto tampone, previa registrazione, con modulo di autocertificazione timbrato dalla scuola e comunque prende contatti con il proprio PLS

Effettua segnalazione su sMAINF solo nel caso di un sospetto CoviD-19 o di caso confermato dal tampone

Domicilio

Il genitore del bambino contatta nel più breve tempo possibile il proprio PLS. In caso di indicazione di sottoporre il figlio a tampone, il genitore accompagna il figlio al punto tampone, previa registrazione, con modulo di autocertificazione

Studente da 13/14 anni in su dalla scuola secondaria di secondo grado

Scuola

Il genitore accompagna il figlio al punto tampone con modulo di autocertificazione timbrato dalla scuola e comunque prende contatti con il proprio PLS/MMG – se lo studente è maggiorenne può autopresentarsi al punto tampone, previa registrazione, con modulo di autocertificazione timbrato dalla scuola

Effettua segnalazione su sMAINF solo nel caso di un sospetto CoviD-19 o di caso confermato dal tampone

Domicilio

Il genitore, o lo studente maggiorenne, contatta nel più breve tempo possibile il proprio PLS/MMG. In caso di indicazione al tampone, il genitore accompagna il figlio al punto tampone, previa registrazione, con modulo di autocertificazione  - se lo studente è maggiorenne può autopresentarsi al punto tampone con modulo di autocertificazione


PUNTI TAMPONE PER TESTING SCOLASTICO IN PRESENZA DI SINTOMI


IN PROVINCIA DI COMO

ASST LARIANA

  1. Como - Via Napoleona 60: dal lunedì al sabato dalle 9:00 alle 13:00 (ingresso da Via Colonna - attività sospesa nei giorni festivi)
  2. Cantù - Via Martiri di Nassiriya: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00 (attività sospesa nei giorni festivi)
  3. Menaggio - parco dell'ospedale: dal lunedì al venerdì dalle 9:00 alle 12:00 (attività sospesa nei giorni festivi)

Verifica le modalità di accesso sulla pagina dedicata dell'ASST Lariana

 

IN PROVINCIA DI VARESE

ASST SETTE LAGHI

Varese - Viale Borri 57: dal lunedì al sabato dalle ore 9.00 alle 14.00

Verifica le modalità di accesso sulla pagina dedicata dell'ASST Sette Laghi

ASST VALLE OLONA

Lonate Pozzolo - Via Cavour 21: dal lunedì al sabato dalle 8.30 alle 14.30

Verifica le modalità di accesso sulla pagina dedicata dell'ASST Valle Olona.

 

Per l'accesso ai punti tampone, è necessario presentare il modulo di autocertificazione, disponibile nella presente sezione (Allegati Scuola). 

 

L’accesso al test (tampone), gratuitamente e con autocertificazione della motivazione, è valida anche per il personale scolastico docente e non docente, che presenti sintomi a scuola o fuori dall’ambiente scolastico (è necessario consultare anticipatamente il medico curante che indicherà se effettuare il test. L’avvenuto consulto preventivo è autocertificato dall’utente).

 

Gli esiti sono disponibili sul Fascicolo Sanitario anche attraverso la consultazione semplificata.

Nel caso di allontanamento dalla scuola di un alunno con febbre e sintomi suggestivi ad infezione da Sars Cov2, non è data indicazione di allontanare contestualmente, da parte della scuola, tutti gli alunni-contatti stretti frequentanti la medesima classe.

     

Allegati Scuola

 

ISOLAMENTO E QUARANTENA

Secondo le nuove disposizioni, sono previste le seguenti misure di sanità pubblica riferite a soggetti positivi e contatti di caso in relazione all’infezione da SARS-CoV-2.

ISOLAMENTO:
L’isolamento dei casi di documentata infezione da SARS-CoV-2 si riferisce alla separazione delle persone infette dal resto della comunità per la durata del periodo di contagiosità, in ambiente e condizioni tali da prevenire la trasmissione dell’infezione.

QUARANTENA:
La quarantena, invece, si riferisce alla restrizione dei movimenti di persone sane per la durata del periodo di incubazione, ma che potrebbero essere state esposte ad un agente infettivo o ad una malattia contagiosa, con l’obiettivo di monitorare l’eventuale comparsa di sintomi e identificare tempestivamente i nuovi casi.

Per concludere la quarantena, e poter rientrare a scuola, gli stessi devono eseguire un test MOLECOLARE O ANTIGENICO con esito negativo al termine del periodo di quarantena indicato nel provvedimento trasmesso da ATS.
Il tampone di fine quarantena verrà proposto da ATS senza oneri a carico dell’utente. E’ possibile effettuare il test anche privatamente presso le farmacie o i laboratori privati, ma con costi a carico dell’utente. Nello specifico si rimanda al paragrafo specifico di seguito nella pagina.

SORVEGLIANZA ATTIVA:
I contatti individuati e sottoposti a sorveglianza attiva, ricevono le disposizioni standardizzate dalla scuola per continuare la didattica in presenza successivamente al primo tampone di verifica (vedere le seguenti specifiche).
Si ricorda che i soggetti in sorveglianza attiva devono limitare le frequentazioni sociali e le altre attività di comunità (ad esempio attività sportive in gruppo, frequentazione di feste, assembramenti, visite a soggetti fragili) e di mantenere in maniera rigorosa il distanziamento fisico e l’uso della mascherina incontrando altre persone oltre ai familiari.

Gli stessi devono:

  • Eseguire un test MOLECOLARE O ANTIGENICO a tempo zero (test T0) ossia il prima possibile e comunque entro 48 ore dalla segnalazione della scuola;
  • Eseguire un test MOLECOLARE O ANTIGENICO a distanza di 5 giorni (test T5) dal primo test.

Nel sopracitato documento di sorveglianza attiva trasmesso dalla scuola è presente il link utile per la prenotazione dei test dando la possibilità di scelta di data, orario e centro tamponi disponibili.
Rimane valida la possibilità effettuare il test anche privatamente presso le farmacie o i laboratori privati ma con costi a carico dell’utente. Nello specifico si rimanda al paragrafo specifico di seguito nella pagina.

I soggetti (bambini, studenti, personale scolastico) che ricevono indicazione da parte del referente scolastico COVID-19/dirigente scolastico ad effettuare sorveglianza con testing non possono entrare in ambiente scolastico in attesa dell’effettuazione del test.
Una volta eseguito il test, il rientro a scuola avviene presentando il documento di avviso di sorveglianza attiva e l’esito del tampone negativo.
Qualora non venga eseguito il test, ATS avvierà il provvedimento di quarantena per il contatto individuato.

Qualora dai test eseguiti dai contatti sottoposti a sorveglianza attiva dovessero emergere ulteriori casi, ATS avvierà i provvedimenti di competenza secondo lo schema sotto riportato:

  1. In presenza di 1 ulteriore caso positivo (alunno o docente), oltre al caso indice, a tempo zero (T0):
    • Soggetti vaccinati o negativizzati da non più di 6 mesi: sorveglianza attiva e ripetono il test a T5 (se ulteriore caso a T5, ATS avvia il provvedimento di quarantena);
    • Soggetti non vaccinati o negativizzati da più di 6 mesi: quarantena e tampone a fine quarantena (T10);
  2. In presenza di 1 ulteriore caso positivo (alunno o docente), oltre al caso indice, a tempo cinque (T5):
    • Soggetti vaccinati o negativizzati da non più di 6 mesi: continuano la didattica in presenza;
    • Soggetti non vaccinati o negativizzati da più di 6 mesi: quarantena e tampone a fine quarantena (T10);
  3. In presenza di ulteriori 2 casi positivi (alunno o docente), oltre al caso indice, in qualsiasi momento (es. 2 casi a T0 o a T5), tutti i contatti sono sottoposti a quarantena e dovranno eseguire il tampone al termine della stessa secondo le modalità riportate nel paragrafo sotto (T7 o T10)

 

 

TAMPONI SALIVARI NELLE SCUOLE

Per l’anno scolastico 2021-2022 l’Istituto Superiore di Sanità e la Struttura Commissariale per l’emergenza COVID-19, in collaborazione con Ministero della Salute, Ministero dell’Istruzione e Conferenza delle Regioni e Province Autonome, hanno predisposto un piano nazionale per il monitoraggio della circolazione di SARS CoV-2 nelle scuole attraverso l’offerta gratuita di test diagnostici ad un campione di scuole primarie e secondarie di primo grado (scuole “sentinella”).

Il piano, la cui durata è prevista per tutto l’anno scolastico, è a tutti gli effetti uno strumento di sanità pubblica il cui scopo è quello di monitorare la circolazione di SARS-CoV-2 nell’ambito scolastico e prendere decisioni al fine di ridurre la diffusione dell’infezione.

L’esecuzione di test periodici ad un campione di studenti consente di quantificare la circolazione del virus anche nelle persone asintomatiche, al fine di realizzare provvedimenti atti a prevenire la comparsa di focolai intra-scolastici o di limitarne l’estensione, ridurre il rischio di diffusione dell’infezione in ambito familiare e ridurre il numero di persone (studenti, personale scolastico, familiari) da sottoporre a quarantena o ad isolamento.

In termini epidemiologici, il piano di monitoraggio si propone di fornire informazioni aggiuntive sull’andamento dell’infezione da SARS-CoV-2 nei contesti scolastici, e in particolare in quelli in cui, per via dell’età, la vaccinazione non può allo stato attuale essere offerta.

Durante l’anno scolastico è prevista, inoltre, la turnazione delle scuole afferenti ai gradi sopra menzionati.

 

Approfondisci 

 

VideoTutorial sull'esecuzione del tampone salivare in autosomministrazione

 

 

 

 

TAMPONE ANTIGENICO RAPIDO PER SOGGETTI ASINTOMATICI ESEGUITO IN FARMACIA

Il Protocollo tra Ministero della Salute, Commissario per l’emergenza Covid-19, Federfarma, Assofarm e FarmacieUnite ha disposto l’effettuazione di tamponi antigenici rapidi in farmacia, senza prenotazione, a prezzi calmierati.

Il Protocollo prevede un contributo di 8 euro per i ragazzi dai 12 ai 18 anni e di 15 euro per le altre fasce di età (compresa quella 6-11 anni).

L’accesso in farmacia per l’effettuazione del tampone è consentito esclusivamente a soggetti asintomatici. In presenza di sintomi è necessario rivolgersi al proprio medico di Medicina Generale o Pediatra di Libera Scelta, che attiverà gli opportuni canali per gli approfondimenti diagnostici.

L’elenco delle farmacie che offrono il servizio è disponibile sul portale di Federfarma

In caso di esito positivo del tampone antigenico il farmacista provvederà a prenotare immediatamente un tampone molecolare di conferma, mentre il soggetto positivo dovrà rispettare la quarantena preventiva in attesa dell’esito del tampone molecolare.

Se la positività verrà confermata dal tampone molecolare, il soggetto diventerà un caso e sarà tenuto a comunicare l’esito al proprio Medico di Medicina Generale o Pediatra di Libera Scelta, proseguendo l’isolamento.

Se il tampone antigenico dovesse risultare negativo, non è necessario procedere con il test molecolare.

Indipendentemente dall’età, qualora il soggetto fosse in quarantena perché individuato quale contatto stretto di caso positivo, sarà ATS a comunicare l’appuntamento per il tampone gratuito presso una struttura del Servizio Sanitario, secondo le tempistiche definite dai protocolli sanitari. Il canale della farmacia non sarà impiegato a tal fine ed eventuali test eseguiti al di fuori delle tempistiche fornite da ATS, non avranno validità ai fini della conclusione delle quarantene.  

 

TAMPONE ANTIGENICO RAPIDO ESEGUITO DAI MEDICI DI ASSISTENZA PRIMARIA IN SOGGETTI SINTOMATICI 

In presenza di sintomi è necessario rivolgersi al proprio Medico di Medicina Generale o Pediatra di Libera Scelta. Nell’ambito degli approfondimenti diagnostici che riterrà opportuni, il medico potrà prenotare un tampone molecolare oppure, qualora ne abbia la disponibilità, effettuare direttamente un tampone antigenico rapido.

Se il tampone antigenico rapido eseguito dal medico in presenza di sintomi suggestivi da Sars-Cov-2 e di una conseguente valutazione clinica dovesse dare esito positivo, il test è valido ai fini del riconoscimento di caso positivo e il soggetto verrà posto in isolamento.

Se il tampone antigenico rapido eseguito dal medico in presenza di sintomi suggestivi da Sars-Cov-2 e di una conseguente valutazione clinica dovesse dare esito negativo, è necessario procedere con la conferma attraverso l’esecuzione di un tampone molecolare, che verrà prenotato direttamente dal medico.

 

 

Ulteriori approfondimenti e riferimenti normativi

Ultime news

Giornata mondiale contro l'AIDS - Report Epidemiologico Infezione HIV – AIDS 2020 – 2021

ATS Insubria ha raccolto i dati delle notifiche pervenute in seguito alle diagnosi di HIV e AIDS, effettuate presso gli ambulatori MTS – Malattie a Trasmissione Sessuale e presso i reparti ospedalieri di Malattie Infettive, presenti sul territorio di competenza. I dati relativi all’anno in corso sono parziali, in quanto l’anno non è ancora concluso, ma consentono di raffrontare l’andamento dell’infezione nell’ultimo biennio.

Leggi tutto...

Corsi Dipartimento Veterinario: avvelenamenti dolosi negli animali e maltrattamento animale

I veterinari di ATS Insubria hanno programmato due corsi, prima di fine anno:

Leggi tutto...

‘Stop ai dubbi’ sulla Vaccinazioni anti-Covid. Il 29 novembre un team di esperti risponde in diretta

Le pagine Facebook di Regione Lombardia e LombardiaNotizieOnline, dalle 15 alle 17 di lunedì 29 novembre, ospiteranno la diretta ‘Stop ai dubbi’ per rispondere alle domande dei cittadini sulle vaccinazioni anti-Covid.

Leggi tutto...
Aggiornamento linee guida scuole

Gestione casi CoVid in ambito scolastico

A seguito dell'aggiornamento delle Linee Guida Ministeriali per la gestione dei casi CoVid in ambito scolastico, è stata aggiornata la relativa sezione del sito ATS Insubria.

Vai alla sezione Scuola

Convegno “LINK LARIANO: Rete Contro l’Azzardo” - 2 dicembre 2021

Appuntamento online per il convegno finale del progetto “LINK LARIANO: Rete Contro l’Azzardo” in programma giovedì 2 dicembre 2021 dalle ore 16 alle 19.

Leggi tutto...

Avvelenamenti dolosi negli animali: adempimenti delle figure preposte - Corso per veterinari e funzionari di PG - Polizia Giudiziaria

Il Dipartimento Veterinario di ATS Insubria propone un corso per veterinari e funzionari di Polizia Giudiziaria per sensibilizzare all’applicazione delle disposizioni ministeriali in materia, attraverso il corretto utilizzo del portale avvelenamenti.

Leggi tutto...

 

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.