Le Associazioni AIT, AME, SIE, CAPE, SIEDP, ETA, SIEC, AIMN, con il Patrocinio dell’Istituto Superiore di Sanità promuovono la Settimana Mondiale della Tiroide dal 23 al 27 Maggio 2016; in quest’ambito l’Azienda Socio-Sanitaria Territoriale della Valle Olona effettuerà presso il Presidio di Busto Arsizio delle Visite Gratuite ed Informative per coloro che faranno richiesta secondo il seguente calendario:

Visite Gratuite presso Unità Operativa di Medicina 2° - Lunedì 23 Maggio (dalle 09.00 alle 12.00), prenotabili presso UO Medicina 2° 0331- 699.268 dalle 09.30 alle 15.30


Visite Gratuite presso Unità Operativa di Medicina Nucleare - Giovedì 26 Maggio (dalle 08.30 alle 11.30), prenotabili presso UO Medicina Nucleare 0331- 699.841 dalle 09.30 alle 15.30


L’obiettivo è sensibilizzare l’opinione pubblica sui crescenti problemi legati alle malattie della tiroide, con particolare riguardo all’azione preventiva della iodoprofilassi. La sorveglianza su particolari popolazioni a rischio, quali il neonato e la donna in gravidanza, è di estrema importanza. Lo screening neonatale per l’ipotiroidismo congenito è infatti fondamentale per diagnosticare e curare fasi iniziali di disfunzione tiroidea, consentendo di evitare danni nei bambini.


La tiroide svolge infatti un ruolo fondamentale nell’arco di tutta la vita umana, regolando importanti processi quali lo sviluppo neuropsichico e l’accrescimento somatico nell’età evolutiva, mentre in tutte le età è fondamentale per la funzione cardiovascolare, il metabolismo basale, lipidico, glucidico e osseo.

La tiroide inoltre deve essere adeguatamente conosciuta perché le malattie tiroidee sono di frequente riscontro nella popolazione generale, soprattutto nelle donne. Fortunatamente la maggior parte delle malattie della tiroide può essere prevenuta e curata nelle fasi iniziali senza importanti conseguenze sulla salute

Allegati:
Scarica questo file (Tiroide 2016.pdf)Tiroide 2016.pdf[ ]1000 kB

Il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca Stefania Giannini e il Presidente della Lega Italiana Lotta contro i Tumori Francesco Schittulli, il 26 maggio 2015, hanno sottoscritto un importante protocollo d'intesa, che sottolinea e ribadisce l’impegno di promuovere, sostenere e sviluppare un complesso programma di interventi sulla prevenzione contro i tumori e sulla salute in generale.

La Lega Italiana Lotta contro i Tumori di Varese ed il CONI, a sostegno dell’accordo sottoscritto, organizzano l’evento: “OLIMPIADI della SALUTE”.

La manifestazione avrà luogo giovedì 26 maggio 2016 alle ore 17.30 in piazza San Vittore a Varese e sarà un’occasione per i ragazzi di provare varie discipline sportive, come il baseball giocato da ciechi, accompagnati dai campioni delle discipline stesse; ascoltare preziose indicazioni legate ad alimentazione, prevenzione tabagismo, corretti stili di vita e quant’altro, attraverso gli autorevoli contributi di:
Dr. Raffaele Pacchetti, Direttore prevenzione e promozione della salute nella comunità dell’ATS Insubria
Dott.ssa Linda Casalini, Ufficio Scolastico per la Lombardia
Dr. Giovanni Trotti, Oncologo emerito dell’Ospedale di Busto Arsizio
Dott. Franco Mazzuchelli, Presidente della Lega Italiana lotta contro i Tumori
Marco Caccianiga, Delegato provinciale CONI Varese
Paolo Vittori, Olimpionico e maestro dello sport

La manifestazione è organizzata con il patrocinio del Comune di Varese, dell'ATS Insubria, dell'Università degli Studi dell’Insubria, della Fondazione Comunitaria del Varesotto Onlus e con la collaborazione dell’Ufficio Scolastico per la Lombardia di Varese.

Il 13 maggio è la Giornata Europea Senza Ascensori, una giornata simbolica per sensibilizzare sull’importanza dell’attività fisica.

Ad ogni età, una regolare attività fisica, anche moderata, contribuisce a migliorare la qualità della vita in quanto influisce positivamente sia sullo stato di salute, aiutando a prevenire e ad alleviare molte delle patologie croniche, sia sul grado di soddisfazione personale, contribuendo a sviluppare dei rapporti sociali e aiutando il benessere psichico).

L’esercizio fisico, preferibilmente di tipo aerobico, non deve essere necessariamente intenso: per essere fisicamente attivi sono sufficienti semplici movimenti che fanno parte della vita quotidiana, come camminare, ballare, andare in bicicletta e fare le scale.

Infatti, l’attività fisica è definita dall’Organizzazione Mondiale della Sanità - OMS - come “qualsiasi movimento corporeo prodotto dai muscoli scheletrici che richiede un dispendio energetico”.

INFO: No Elevators Day

No Elevators Day 2016

Programma Nazionale di Ricerche in Antartide (PNRA), finanziato dal Ministero dell'istruzione, dell'Università e della Ricerca, è stato istituito con L. 284/1985 per garantire la partecipazione dell'Italia al Trattato Antartico in qualità di membro consultivo.


Le attività del PNRA in Antartide, indirizzate strategicamente dalla CSNA e scientificamente programmate dal CNR, sono attuate dall'ENEA che gestisce, a tal scopo, due Basi, una stagionale costiera (Stazione "Mario Zucchelli") ed una permanente, italo-francese, sul plateau antartico (Concordia, 3300 m. s.l.m.). Nella sua qualità di Ente attuatore delle Spedizioni in Antartide, l'ENEA, tramite l'Unità Tecnica Antartide (UTA), procede annualmente alla composizione ed alla formazione del team tecnico-logistico di supporto alle attività scientifiche. In tal senso, e con riferimento alle operazioni da svolgersi durante la prossima XXXII Spedizione italiana in Antartide, ha la necessità di avvalersi della collaborazione di un medico, chirurgo generale o anestesista, comunque qualificato nell'area dell'emergenza per le attività che si svolgeranno presso la Stazione "Concordia" nel periodo da novembre 2016 a novembre 2017. I candidati interessati potranno essere valutati anche per la partecipazione alle Campagne estive, della durata di circa tre mesi, presso le Basi italiane in Antartide.

Allegati:
Scarica questo file (Avviso medico Antartide.jpg)Avviso medico Antartide.jpg[ ]285 kB

In occasione dell’Oral Cancer Day – Giornata di prevenzione dei tumori del cavo orale, indetto da Fondazione Andi onlus (Associazione nazionale dentisti italiani) - sabato 21 maggio - i medici dell’Unità Operativa diretta dal primario Paolo Ronchi effettueranno i controlli negli Ambulatori al piano 0 blu (zona Cup) dalle 8.30 alle 13. E’ necessaria la prenotazione via mail all’indirizzo Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo..

Posti limitati. Non serve l’impegnativa del medico di Medicina generale.

 

Il Sant’Anna, dunque, è ancora una volta in prima linea sul fronte della prevenzione e della diagnosi precoce. “I tumori del cavo orale – spiega il primario della Chirurgia Maxillo-facciale Paolo Ronchi - rappresentano circa il 10% di tutte le neoplasie maligne negli uomini e il 4% nelle donne. In Italia ogni anno vengono diagnosticati circa 4.500 casi di tumore alla bocca. Solitamente la diagnosi avviene in fase già avanzata, quando la massa tumorale si è ingrandita al punto da richiedere interventi mutilanti e spesso con scarsi risultati. La lingua è la sede più frequente coinvolta nelle neoplasie del cavo orale: i carcinomi linguali rappresentano il 30% circa di tutti i carcinomi orali. Il tumore del cavo orale è più frequente in persone che fumano tabacco e consumano alcolici: la coesistenza di queste due abitudini moltiplica il rischio di sviluppare neoplasie orali”.

 

Negli ultimi anni si è osservata una progressiva riduzione di incidenza delle neoplasie orali correlate all’utilizzo di alcol e tabacco, soprattutto nel sesso maschile, mentre nel sesso femminile si è invece registrato un incremento dei casi.
Nell'ambito dei tumori della testa e del collo, l’esperienza dell’ospedale Sant’Anna è significativa: sono stati operati oltre 100 pazienti nel 2015 nel settore maxillo-facciale e otorino e sono state effettuate oltre 20 ricostruzioni microchirurgiche maxillo-facciali. Più di 20 pazienti sono stati sottoposti a chemio o radioterapia.

Allegati:
Scarica questo file (Oral_cancer_day.jpg)Oral_cancer_day.jpg[ ]204 kB

ATS Insubria, nella XVII Giornata della Sicurezza sul Lavoro organizza, presso l'Aula Magna del Politecnico - Via Castelnuovo n.7 - Como - un incontro dal titolo: "Malattie muscolo-scheletriche da lavoro: come prevenirle?"

La dottoressa Paola Lattuada - Direttore Generale ATS Insubria - aprirà i lavori insieme alle principali autorità cittadine, in una giornata volta ad approfondire le patologie e i disturbi muscolo-scheletrici.  

Il convegno è una occasione di confronto tra Enti di vigilanza, esperti, datori di lavoro, consulenti, lavoratori e tutti i soggetti coinvolti dalla tematica.

Approfondimenti in allegato

 

 

Il mal di testa è il disturbo più diffuso al mondo. Secondo l’Organizzazione Mondiale della Sanità nove persone su dieci soffrono di cefalea almeno una volta l’anno. Per informare la popolazione su come prevenire e curare questo problema, che può diventare invalidante e avere pesanti conseguenze sulla vita familiare, sociale e lavorativa, l’Unità Operativa di Neurologia dell’Azienda socio sanitaria territoriale Lariana, diretta da Marco Arnaboldi, ha aderito all’iniziativa “Dai un calcio al mal di testa”, promossa a livello nazionale dalla Sisc, la Società italiana per lo studio delle cefalee, in occasione dell’VIII Giornata nazionale del Mal di Testa.


L’appuntamento informativo si svolgerà nella hall dell’ospedale Sant’Anna di San Fermo della Battaglia venerdì 13 maggio, dalle 9 alle 12 i neurologi Vincenzo Belcastro e Franco Di Palma responsabile del Centro aziendale per le cefalee, affiancati da Monica Grobberio psicologa che si occupa di colloqui individuali e di gruppo, distribuiranno materiale divulgativo su quella che si caratterizza come una vera e propria patologia e saranno a disposizione per colloqui gratuiti con i cittadini. Non serve la prenotazione né l’impegnativa del medico di medicina generale.


Un’occasione importante di confronto con gli specialisti alla luce del fatto che almeno la metà di chi ha mal di testa non si rivolge a un medico, ma assume comunque farmaci senza un adeguato inquadramento e trattamento.


Le cefalee – ne esistono più di 200 – necessitano di approccio multidisciplinare, fondamentale per individuare correttamente la tipologia e la terapia di “attacco” o quella di profilassi. Vengono suddivise in primarie (emicrania, cefalea muscolo tensiva, a grappolo e altre), cioè senza specifici fattori, cause o malattie che possano aver provocato il mal di testa, e secondarie, conseguenti a una causa specifica che, se rimossa, farebbe cessare il dolore.


“Particolare accento verrà posto sui problemi di massima attualità in materia – spiega Di Palma - quali le cefalee croniche, le cefalee da abuso di farmaci analgesici, le cefalee in gravidanza e quelle pediatriche, visto che sono in aumento i casi di bambini e adolescenti, e loro modalità di trattamento”.


Il Centro del Sant’Anna ha iniziato l’attività ambulatoriale alla fine del 1999 ed è un centro di secondo livello riconosciuto dalla Sisc.
La problematica del paziente viene affrontata a livello multidisciplinare, con il neurologo a coordinare il percorso diagnostico-terapeutico. Il Centro si avvale anche della collaborazione con i neuropsicologi per colloqui psicologico-clinici, soprattutto nei casi caratterizzati da cronicizzazione, - in alcuni casi vengono utilizzati gruppi di “auto-aiuto” - e con l’Ambulatorio di Neurochirurgia che si occupa dell’utilizzo della tossina botulinica (impiegata in primis per le spasticità ma anche in casi selezionati di emicrania cronica).

Il Centro comasco, al quale si accede con prenotazione al Cup tramite impegnativa del medico curante, effettua 600 visite ambulatoriali all’anno e circa 50 ricoveri per disassuefazione e cefalee croniche.

Corretti stili alimentari e soprattutto “Cosa mangiano i bimbi alle mense scolastiche” nell’intervento della dott. ssa Maria Antonietta Bianchi, nutrizionista di ATS Insubria, che partecipa all’”Hot Topics - Nutrizione dell’Età Evolutiva” in programma sabato 7 maggio 2016 a villa Cagnola di Gazzada per approfondire le tematiche relative alla nutrizione in età pediatrica.

Ultime news

Azioni per la qualità della vita e l’inclusione sociale delle persone sottoposte a terapia oncologica – parrucche

Rifinanziamento della misura “Azioni per la qualità della vita e l’inclusione sociale delle persone sottoposte a terapia oncologica“ di cui alla DGR n. 1829/2019, per gli anni 2020 e 2021.

Leggi tutto...

Manifestazione d’interesse - presentazione di progetti di promozione della salute e contrasto al gioco d’azzardo patologico

Manifestazione d’interesse per l'individuazione di Dipartimenti di Sociologia di Università legalmente riconosciute per la presentazione di progetti che concorrano alla realizzazione delle azioni previste dalla D.G.R. N. XI/585 del 01/10/2018 - realizzazione seconda annualità.

Leggi tutto...

Avviso pubblico - Ricerca medici disponibili per visite mediche di controllo - INPS Como

L'INPS - Istituto Nazionale della Previdenza Sociale - Sede di Como - ha pubblicato un avviso per la ricerca di n. 3 medici disponibili, da subito, all’effettuazione, sia nella fascia antimeridiana che in quella pomeridiana, delle visite domiciliari di controllo disposte dall’INPS nei confronti dei soggetti residenti nel bacino di competenza del territorio di COMO.

Leggi tutto...

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.