La presentazione delle istanze relative all'attività di prima certificazione dei Disturbi Specifici dell’Apprendimento (DSA) potrà avvenire, come lo scorso anno, dall' 1 al 31 maggio 2019 attraverso il corretto impiego della modulistica di seguito specificata:

  • All. 1 DSA – Nota del 22 giugno 2015 e fac-simile domanda completa del protocollo richiesto
  • All. 2 Modulo integrativo alla domanda DSA

 

Le istanze dovranno essere trasmesse esclusivamente all'indirizzo PEC Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. nel periodo suddetto.

Le équipes già autorizzate e presenti negli elenchi pubblicati sul sito ATS Insubria non dovranno presentare alcuna documentazione, salvo ulteriori richieste di modifiche nella loro composizione.

 

Per ulteriori INFO contattare:

U.O.S.D. COORDINAMENTO AREA SALUTE MENTALE
Via O. Rossi, 9 - Varese
Tel. 0332277710 Fax 0332277711

I Dipartimenti di Igiene Prevenzione Sanitaria e Veterinario e Sicurezza degli Alimenti di Origine Animale saranno presenti all’appuntamento con “natura in centro città” - domenica 12 maggio 2019 nel cuore della Città Giardino con due spazi dedicati a “Coltivare benessere e salute”.

 

ATS Insubria aderisce alla fiera dell’agricoltura organizzata da Camera di Commercio, attraverso PromoVarese, in collaborazione con Comune di Varese e associazioni di categoria, proponendo approfondimenti legati a sani stili di vita e alla veterinaria.

 

Gli esperti del Dipartimento di Igiene e Prevenzione Sanitaria di ATS Insubria promuoveranno sani stili di vita attraverso la corretta alimentazione e adeguata attività fisica, fornendo consulenze gratuite sul modo migliore per mantenersi in forma. La presenza del personale di ATS vuole, inoltre, essere l’occasione per promuovere ed implementare la consapevolezza sullo spreco alimentare. Allo stand, presente per tutta la giornata di domenica 5 maggio, sarà possibile ritirare materiale informativo relativo a prodotti del territorio, corretta alimentazione, “Snack di Attività fisica”, “Spreco alimentare” e prevenzione delle più comuni malattie trasmesse dagli alimenti.

“Una particolare attenzione sarà riservata ai bambini con i laboratori di disegno su tematiche relative a salute e sani stili di vita. I bambini potranno “diplomarsi promotori di salute per ATS Insubria” con la guida dei nostri consulenti, che li accompagnano nel mondo della promozione della salute attraverso materiale appositamente realizzato per loro – spiega la dott.ssa Maria Antonietta Bianchi – responsabile della Qualità della Nutrizione di ATS Insubria”.

 

Gli esperti del Dipartimento Veterinario e Sicurezza degli Alimenti di Origine Animale effettueranno, su richiesta, la lettura dei chip dei cani al seguito dei proprietari e presenteranno i Corsi “Patentino” per proprietari di cani e/o aspiranti tali.

“Abbiamo aderito immediatamente alla proposta di essere presenti con un nostro spazio alla  manifestazione, che vede i veterinari in prima linea, da sempre, vista la presenza degli animali. – sottolinea il Dott. Eraldo Oggioni Direttore del Dipartimento Veterinario – in quanto è una preziosa occasione per promuovere ulteriormente le attività, che rientrano nella mission del Dipartimento Veterinario di ATS Insubria e che è fondamentale condividere con i cittadini e con il territorio”.

Da parte dei medici veterinari, è prevista la distribuzione di materiale informativo, relativo a Adozione consapevole e responsabile del cane, Progetto “Culle e cucce, cani e bambini sotto lo stesso tetto” per la prevenzione degli episodi di aggressività dei cani in ambito famigliare, avvelenamento degli animali, obblighi del proprietario e delle altre figure, informative relative alle sedi veterinarie, canili sanitari, canili rifugio e modulistica varia, quale modello di richiesta di passaporto. È inoltre prevista la proiezione di materiale audiovisivo relativo al benessere animale in allevamento e trasporto.

 

INFO: Agrivarese, “natura in centro città”

Con atto deliberativo n.192 del 24/04/2019 ATS Insubria, in ottemperanza alla D.G.R. n. 1567 del 15/04/2019 di Regione Lombardia, ha provveduto a redigere la manifestazione di interesse per l’aggiornamento dell’elenco degli Enti erogatori qualificati per l’erogazione dello svolgimento degli interventi di inclusione scolastica degli studenti con disabilità sensoriale, per l’anno scolastico 2019-2020, ai sensi degli artt. 5 e 6 della L.R.N. 19/2007

 

Ulteriori informazioni alla pagina dedicata.

ATS Insubria organizza la 1° Conferenza territoriale “L’evoluzione della rete di cure palliative” per diffondere la conoscenza inerente lo sviluppo delle Cure palliative e delle funzioni della rete territoriale tra i professionisti che si trovano a gestire persone affette da malattia cronico evolutiva e inguaribile.

 

L’incontro, in programma nell’Aula Pigionatti del Collegio De Filippi di Varese nella giornata di sabato 11 maggio 2019, è articolato in due sezioni.

 

In mattinata la conferenza è rivolta a Medici di Medicina Generale, Pediatri di Famiglia, Medici di Continuità Assistenziale, Medici Palliativisti, Infermieri, Psicologi, Fisioterapisti, Dietisti, Medici specialisti Ospedalieri, Medici di RSA, Assistenti Sociali, Operatori Sociosanitari e personale delle Associazioni di Volontariato per approfondire le indicazioni delle DD.GG.RR. relative alla riclassificazione delle unità di offerta di cure palliative, in coerenza con quanto previsto dalla nuova normativa LEA, finalizzata a promuovere la convergenza dei modelli residenziali e domiciliari dell'area sanitaria e sociosanitaria.

 

Nel pomeriggio è previsto un incontro dedicato alle associazioni di volontariato e aperto alla cittadinanza.

 

Il dott. Bonelli Direttore Generale di ASST Sette laghi ha sottolineato il carattere innovativo dell'iniziativa, che si conta di estendere anche ad altre aree aziendali. "Questo progetto è il frutto di un bel gioco di squadra tra l'Azienda e le istituzioni del territorio - ha precisato - Tengo a ringraziare l'associazione AMOR, che vuole dare un contributo importante all'iniziativa".

 

AMOR infatti si è impegnata a raccogliere fondi per donare un'auto all'ASST da destinare specificatamente all'Ostetrica di Famiglia. "Siamo molto contente di questo progetto che rappresenta il rilancio dell'Ondoli" hanno commentato le rappresentanti di AMOR.

 

Il DG dell'ATS Insubria, Lucas Maria Gutierrez, ha ribadito l'importanza del progetto, sia perché rappresenta un servizio prezioso in sé, sia perché dimostra l'attenzione dell'ASST nei confronti del territorio e, in particolare, del percorso di integrazione sociosanitaria".

 

Dello stesso avviso, il DSS dell'ASST, Ivan Mazzoleni: "Questo è un bell'esempio di rete territoriale integrata con la rete ospedaliera".

 

Soddisfatti dell'iniziativa anche il Sindaco di Angera, Davide Molgora, e la Presidente dell'Ambito Territoriale di Sesto Calende, Marina Paola Rovelli, che hanno riconosciuto nel progetto il risultato di una preziosa sinergia. "Amor, in particolare - ha commentato Molgora - ha saputo passare con intelligenza dalla protesta alla proposta".

 

Ad illustrare il progetto, il Prof. Fabio Ghezzi, Direttore della Rete Integrata Materno-Infantile, che ne è l'ideatore, e la D.ssa Patrizia Tomasin, Ditettore del DAPSS. 

 

"Il progetto è stato elaborato dal gruppo delle ostetriche, - ha specificato Ghezzi - coordinate da Federica Bianchi, che ne è la coordinatrice, e che ha dedicato la sua grande esperienza e professionalità per la buona riuscita di questa iniziativa".

 

A descrivere nel dettaglio il ruolo delle ostetriche coinvolte è stata la coordinatrice infermieristica Enrica Rossi.

 

Approfondimenti relativi al progetto

Il progetto "Ostetrica di famiglia" è un progetto pilota, tra le prime esperienze di questo tipo in Italia.

Nel territorio dei dodici Comuni che fanno capo alla sede territoriale di Sesto Calende è già operativo: da pochi giorni infatti, le donne in dolce attesa che intendono e sono in condizione di avvalersene possono esprimere la propria adesione all'iniziativa. 

Nel dettaglio, il progetto consiste innanzitutto in un servizio a domicilio che prevede, nelle ultime settimane di gestazione, l'assistenza da parte di un'ostetrica che valuti le condizioni cliniche della gravida e, in particolare, rilevi i segni che precedono il travaglio, invitando la donna a recarsi in Ospedale nel momento opportuno.

Ma il progetto non si esaurisce solo in questo aspetto, dal momento che prevede una stretta integrazione con l'attività delle sedi ambulatoriali e consultoriali in cui si svolgono tutti i controlli previsti durante la gestazione.

La logica che sottende questo progetto è quindi quella che sta alla base della Rete Integrata Materno Infantile dell'ASST, ovvero la sinergia tra Ospedale e Territorio, che rappresenta del resto anche una delle direttrici principali verso cui sta procedendo l'evoluzione della Sanità. Questo progetto, inoltre porta l'assistenza sempre più vicino al cittadino, arrivando, in questo caso, direttamente a casa della gestante, pur garantendo la massima sicurezza.

 

"E' opportuno chiarire quali sono le condizioni per aderire a questo progetto - tiene a precisare il prof. Fabio Ghezzi, Direttore della R.I.M.I. e ideatore del progetto - L'Ostetrica a domicilio, infatti, è un'opportunità offerta alle donne con gravidanza a basso rischio ostetrico che risiedono in uno dei Comuni che fanno capo alla sede territoriale di Sesto Calende e che sono intenzionate a partorire nel punto nascita dell'Ospedale Del Ponte di Varese o in quello di Cittiglio".

 

In occasione del primo accesso in uno degli ambulatori ostetrici dell'ASST dei Sette Laghi, se il ginecologo valuta la gravidanza a basso rischio, alla donna viene proposto di aderire al progetto. Le vengono, quindi, programmati tutti i controlli ostetrici previsti negli ambulatori dell'Ospedale di Angera o nel Consultorio di Sesto Calende, rispettando la scelta della donna. In queste due sedi vengono inoltre organizzati i corsi di accompagnamento alla nascita rivolti alle gravide inserite nel progetto. 

Intorno alla 37esima settimana di gestazione, poi, viene attivata la reperibilità telefonica di un'ostetrica in servizio all'Ospedale di Angera o al Consultorio di Sesto Calende, che provvede anche a fissare la visita domiciliare.

 

"L'attesa dell'insorgenza del travaglio di parto può rappresentare un periodo stressante per le donne, in cui sorgono dubbi e paure. La consulenza telefonica e la visita da parte dell'ostetrica di famiglia - spiega Ghezzi - hanno innanzitutto lo scopo di rassicurare la gravida accompagnandola verso il parto".

 

L'Ostetrica infatti si reca a casa della donna con tutto il materiale necessario per la valutazione del benessere materno e fetale, per eseguire un'approfondita visita ostetrica e per l'assistenza materna e neonatale nel caso si verificasse un parto precipitoso. 

In particolare, l'ostetrica valuta la gestante, rilevando i parametri materni e le caratteristiche dell'attività contrattile uterina. Se il travaglio non è ancora iniziato, definisce in relazione alla sintomatologia e in accordo con la donna, i tempi dei ricontatti telefonici e un'eventuale rivalutazione a domicilio. Se invece il travaglio risulterà in corso, l'ostetrica saprà monitorarne l'evoluzione indicando alla gestante il momento opportuno per recarsi al punto nascita prescelto.

Nel caso dovessero verificarsi delle emergenze, è sempre attivabile il trasporto da parte della Centrale Operativa del 112.

 

"E' importante sottolineare come lo standard assistenziale offerto mediante questo progetto è assolutamente sovrapponibile a quello erogato negli ambulatori ostetrici delle sedi ospedaliere della nostra Azienda - spiega la dott.ssa Patrizia Tomasin, Direttore del DAPSS (Direzione Aziendale delle Professioni SocioSanitaria, da cui dipendono tutte le ostetriche dell'Azienda - Proprio per garantire questo risultato, le ostetriche di famiglia frequentano corsi dedicati alla gestione della gravidanza a basso rischio, alla gestione delle emergenze ostetriche e alla rianimazione neonatale. Inoltre svolgono dei periodi di affiancamento con le ostetriche dell'Ospedale del Ponte e con gli specialisti in Ostetricia e Ginecologia in servizio all'Ospedale di Angera, per acquisire le competenze necessarie all'esecuzione dell'ecografia office, uno strumento prezioso per la rilevazione dei parametri materni e fetali prima e durante il travaglio, così da interpretare e valutare con tempestività e massima accuratezza l'evoluzione della gravidanza".

 

 

Bando per la presentazione di un progetto innovativo di assistenza e presa in carico delle persone affette da demenza rappresentato dal Villaggio Alzheimer nell’ambito territoriale di ATS Insubria.

 

Scadenza 30 maggio 2019

Bando per l’attivazione sul territorio di ATS Insubria di nuovi nuclei per stati vegetativi derivanti dalla conversione di posti letto ordinari, già accreditati e a contratto, in RSA e RSD, in attuazione della Dgr XI/1046 del 17/12/2018 “Determinazioni in ordine alla gestione del servizio sociosanitario per l’esercizio 2019” e del Decreto n. 3762 del 21/03/2019 “Disposizioni in esecuzione della deliberazione n. XI /1046 del 17/12/2018 in ordine alla attivazione di nuovi nuclei per stati vegetativi in RSA e RSD”.

 

Scadenza 20 maggio 2019

Bando per l’attivazione sul territorio di ATS Insubria di nuovi posti in nuclei Alzheimer in RSA da riconoscere a seguito di riconversione di posti letto di RSA ordinari già a contratto, in attuazione delle determinazioni di cui alla d.g.r. xi/1046 del 17/12/2018 recante “Determinazioni in ordine alla gestione del servizio sociosanitario per l’esercizio 2019” e del Decreto n. 4059 del 26/03/2019 della Direzione Generale Welfare, recante “Disposizioni in esecuzione della deliberazione n. XI/1046 del 17/12/2018 in ordine alla attivazione di nuovi posti in nuclei Alzheimer in RSA”.

 

Scadenza: 20 maggio 2019

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.