Le informazioni seguenti sono tratte dal sito del Ministero della Salute e dell’Istituto Superiore di Sanità.

Covid-19: Regole di comportamento

Portare sempre con sé dispositivi di protezione delle vie respiratorie (mascherine) e indossarli nei luoghi al chiuso e in tutti i luoghi all'aperto quando non possa essere garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi.

È fortemente raccomandato l'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all'interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi.

Sono esonerati dall’obbligo di indossare la mascherina:

  • i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva
  • i bambini di età inferiore ai sei anni
  • i soggetti con patologie o disabilità incompatibili con l'uso della mascherina e chi interagisce con loro.

Mantenere una distanza di sicurezza interpersonale di almeno un metro.

Lavarsi spesso le mani con acqua e sapone o in assenza con soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani.

Evitare i luoghi affollati, gli ambienti chiusi con scarsa ventilazione e la distanza ravvicinata.

Garantire una buona ventilazione di ambienti chiusi, inclusi abitazioni e uffici.

Evitare abbracci e strette di mano.

Starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie.

Evitare l'uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l'attività sportiva.

Non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani.

Non assumere farmaci antivirali e antibiotici, se non prescritti dal medico.

Pulire le superfici con acqua e sapone o comuni detergenti neutri per rimuovere lo sporco e poi disinfettarle con soluzioni a base di ipoclorito di sodio (candeggina/varechina) o alcol adeguatamente diluite.

 

Covid-19: Uso della mascherina

È obbligatorio avere sempre con sé le mascherine. Queste dovranno essere indossate nei luoghi al chiuso diversi dalle abitazioni private e anche in tutti i luoghi all’aperto, ad eccezione dei casi in cui, per le caratteristiche del luogo o per le circostanze di fatto, sia garantita in modo continuativo la condizione di isolamento rispetto a persone non conviventi.

È fortemente raccomandato l'uso dei dispositivi di protezione delle vie respiratorie anche all'interno delle abitazioni private in presenza di persone non conviventi. Sono fatti salvi i protocolli e linee-guida anti-contagio previsti per le attività economiche, produttive, amministrative e sociali. Nei luoghi di lavoro continuano, quindi, ad applicarsi le vigenti regole di sicurezza. Fatte salve anche le linee guida per il consumo di cibi e bevande.

Restano esclusi dall’obbligo di indossare la mascherina i bambini di età inferiore ai sei anni, le persone con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina e coloro che, per interagire con questi ultimi, versino nella stessa incompatibilità. Inoltre, l’uso della mascherina non sarà obbligatorio durante lo svolgimento dell’attività sportiva.

In comunità possono essere utilizzate mascherine monouso o mascherine lavabili, anche auto-prodotte, in materiali multistrato idonei a fornire un'adeguata barriera e, al contempo, che garantiscano comfort e respirabilità, forma e aderenza adeguate, che permettano di coprire dal mento al di sopra del naso.

Non è utile indossare più mascherine chirurgiche sovrapposte. L'uso razionale delle mascherine chirurgiche è importante per evitare inutili sprechi di risorse preziose.

Prima di indossare la mascherina:

  • lavare le mani con acqua e sapone per almeno 40-60 secondi o eseguire l’igiene delle mani con soluzione alcolica per almeno 20-30 secondi 
  • indossare la mascherina toccando solo gli elastici o i legacci e avendo cura di non toccare la parte interna
  • posizionare correttamente la mascherina facendo aderire il ferretto superiore al naso e portandola sotto il mento
  • accertarsi di averla indossata nel verso giusto (ad esempio nelle mascherine chirurgiche la parta colorata è quella esterna).

Durante l’uso:

  • se si deve spostare la mascherina manipolarla sempre utilizzando gli elastici o i legacci
  • se durante l’uso si tocca la mascherina, si deve ripetere l’igiene delle mani
  • non riporre la mascherina in tasca e non poggiarla su mobili o ripiani.

Quando si rimuove:

  • manipolare la mascherina utilizzando sempre gli elastici o i legacci
  • lavare le mani con acqua e sapone o eseguire l'igiene delle mani con una soluzione alcolica

Nel caso di mascherine riutilizzabili procedere alle operazioni di lavaggio a 60°C con comune detersivo o secondo le istruzioni del produttore, se disponibili; talvolta i produttori indicano anche il numero massimo di lavaggi possibili senza riduzione della performance della mascherina.

Dopo avere maneggiato una mascherina usata, effettuare il lavaggio o l’igiene delle mani.

Dai sei anni in su anche i bambini devono portare la mascherina e per loro va posta attenzione alla forma evitando di usare mascherine troppo grandi e scomode per il loro viso.

 

Covid-19: Lavaggio delle mani

Il lavaggio delle mani ha lo scopo di garantire un’adeguata pulizia e igiene delle mani attraverso un'azione meccanica.

Per l’igiene delle mani è sufficiente il comune sapone. In assenza di acqua si può ricorrere ai cosiddetti igienizzanti per le mani a base alcolica.

Se si usa il sapone è importante frizionare le mani per almeno 60 secondi.

Se il sapone non è disponibile usare una soluzione idroalcolica per almeno 20-30 secondi.

I prodotti reperibili in commercio per la disinfezione delle mani in assenza di acqua e sapone (presidi medico-chirurgici e biocidi autorizzati con azione microbicida) vanno usati quando le mani sono asciutte, altrimenti non sono efficaci.

È importante lavarsi le mani:

  • Prima
    • di toccarsi occhi/naso/bocca (per es. per fumare, lavare i denti, etc.)
    • di mangiare
    • di assumere farmaci o somministrare farmaci ad altri
  • Prima e dopo
    • aver maneggiato alimenti, soprattutto se crudi
    • aver usato i servizi igienici,
    • aver medicato o toccato una ferita
    • aver cambiato il pannolino di un bambino
    • aver toccato una persona malata
    • aver toccato un animale
  • Dopo
    • aver frequentato luoghi pubblici (negozio, ambulatorio, stazione, palestra, scuola, cinema, bus, ufficio, etc.) e, in generale, appena si rientra in casa
    • aver maneggiato la spazzatura
    • aver utilizzato soldi
    • aver toccato altre persone.

È buona abitudine, inoltre, tossire/starnutire nella piega del gomito, per evitare di contaminare le mani con cui successivamente si possono trasmettere i propri microrganismi (toccando ad esempio il cellulare, la maniglia di una porta, etc.).

Infine, si raccomanda di utilizzare fazzoletti monouso per soffiare il naso, possibilmente eco-sostenibili, e di smaltirli nei rifiuti, e lavarsi le mani, subito dopo l’uso.

Come lavarsi le mani con acqua e sapone
Devo mettere una mascherina: come faccio?
Disinfettanti, igienizzanti, detergenti: usali in sicurezza

 

Covid-19: Distanziamento sociale

E’ necessario mantenere una distanza interpersonale di almeno un metro, evitare luoghi affollati e assembramenti.

Le misure di distanziamento sociale hanno lo scopo di limitare la diffusione del Virus ed evitare un picco di casi concentrato in un breve periodo di tempo, che è lo scenario peggiore durante un'epidemia per la sua difficoltà di gestione. Nel caso del coronavirus dobbiamo tenere conto, inoltre, che l'Italia ha una popolazione anziana e bisogna proteggerla il più possibile da contagi. Le misure indicate dalle autorità quindi vanno seguite nella loro totalità.

L'obiettivo del distanziamento sociale è ridurre la velocità di diffusione del virus, spostando in avanti nel tempo il picco epidemico e riducendone l'altezza, di fatto 'spalmando' i casi su un arco temporale più lungo. Questo porterà benefici riducendo la pressione sul sistema sanitario.

Per misure di distanziamento sociale si intendono diversi tipi di intervento, che vanno ad aggiungersi ad altri provvedimenti come la promozione di una maggiore igiene delle mani o l'utilizzo di mascherine: i più comuni sono l'isolamento dei pazienti, l'individuazione e la sorveglianza dei contatti, la quarantena per le persone esposte, la chiusura delle scuole e dei luoghi di lavoro o l'adozione di metodi per lezioni scolastiche/universitarie e lavoro a distanza. Inoltre vanno anche considerati i provvedimenti che limitano l'assembramento di persone, come le manifestazioni sportive, fino ad arrivare alla restrizione dei viaggi internazionali.

Sull'efficacia di questo tipo di misure sono stati condotti diversi studi, molti dei quali condotti su epidemie e pandemie del passato, e generalmente si sono dimostrate efficaci, in misura variabile a seconda del contesto.

 

Ultime news

Avviso per l’individuazione di una struttura residenziale psichiatrica, da contrattualizzare ai sensi delle DGR. n. X/7600/2017, n. XI/491/2018 e n. XI/1046/2018 per n. 1 posto tecnico residenziale

ATS Insubria, con atto deliberativo n. 206 dell’8/4/2021, ha indetto avviso riservato a strutture per trattamenti terapeutico riabilitativi, a carattere estensivo SRP2 (ex CPM),  accreditata dal SSL ed ubicata nel territorio dell’ATS Insubria, finalizzato alla contrattualizzazione di n. 1 (uno) posto tecnico residenziale presso una comunità protetta Media Intensità (ex CPM).

Leggi tutto...

Vaccinazione Anticovid: prenotazioni soggetti ad elevata fragilità

A partire da oggi, 9 aprile, i cittadini lombardi estremamente fragili, cioè in condizioni di estrema vulnerabilità non in carico ad una struttura ospedaliera e le persone con disabilità grave, potranno prenotare le vaccinazioni anti-Covid. Come per altre categorie, si potrà definire l’appuntamento tramite portale dedicato,  call center,  Postamat o rivolgendosi al postino.

Per maggiori informazioni consulta clicca qui.

Pubblicazione aggiornamento elenco Enti erogatori qualificati allo svolgimento degli interventi di inclusione scolastica degli studenti con disabilità sensoriale - Anno scolastico 2021-2022 (2)

ATS Insubria, con Deliberazione n. 207 dell’8 aprile 2021, ha approvato l’elenco degli Enti Erogatori qualificati per lo svolgimento degli interventi di inclusione scolastica degli studenti con disabilità sensoriale per l’anno scolastico 2021/2022, suddiviso in Sezione A - disabilità uditiva e Sezione B - disabilità visiva ex-DGR n. XI/4392 del 10/03/2021.

Leggi tutto...

Torna su

Questo sito utilizza cookie tecnici e «di terze parti» necessari per il funzionamento e la navigazione dello stesso. Inoltre questo sito raccoglie dati statistici sulla navigazione, mediante cookie installati da terze parti autorizzate e a norma di legge.

Chiudendo questo banner o proseguendo la navigazione su altre pagine, acconsenti all'uso dei cookie.